Grazie, Ingegnere – Il Fatto Quotidiano

Detto senz’alcuna ironia, dobbiamo immensa gratitudine a Carlo De Benedetti. Quando c’è nell’aria qualcosa di torbido e losco, di cui si sente la puzza ma non si vedono i contorni e non si conoscono i dettagli, puntualmente arriva lui e lo racconta per filo e per segno, anzi lo rivendica e se ne vanta. Era accaduto nel gennaio 2018, quando la Commissione parlamentare d’inchiesta sulle banche scoprì che due anni prima l’Innominabile gli aveva spifferato l’imminente decreto Banche popolari, facendogli guadagnare 600 mila euro sull’unghia in Borsa con un insider trading che solo la Procura di Roma riuscì a non vedere (se non a carico del suo povero broker). Nei palazzi del potere anche le pietre sapevano che il Genio Rignanese era un prodotto creato in laboratorio dalla premiata ditta DeBenedetti-Repubblica, allevato e leccato fin da quand’era sindaco di Firenze e poi, scalati il Pd e il governo, coperto di saliva dai giornali del gruppo e di cattivi consigli dal padrone. Ma nessuno poteva dimostrarlo. Poi l’Ingegnere fu ascoltato dalla Consob. E, anziché negare tutto, non solo confessò di aver saputo in anteprima del decreto dal fido premier e di averci investito 5 milioni con 600 mila euro di plusvalenze (parole definite sul Fatto “un’ammissione dell’assenza di ogni vincolo etico” dall’attuale direttore del suo futuro giornale Domani); ma aggiunse pure che il suo Matteo era spesso “un cazzone”, “di economia capisce onestamente poco”, il suo “non è un governo, sono quattro persone”, inclusi Padoan e la Boschi, teleguidate da lui “advisor gratuito” a pranzo e cena, tant’è che “il Jobs Act gliel’ho suggerito io”.

Così tutto fu chiaro a tutti, fuorché ai lettori di Repubblica che, essendo un giornale libero e indipendente, il primo giorno non scrisse una riga e nei seguenti non pubblicò una sillaba del verbale del padrone. Ora la scena si ripete. Da mesi avvertiamo un gran fetore di poteri marci dietro gli attacchi concentrici al governo giallorosa, dietro il risiko editoriale degli Agnelli-Elkann che hanno prima ingoiato e poi snaturato il gruppo Stampubblica, dietro i traffici per liberarsi di Conte e mettere le zampe sui miliardi in arrivo dall’Europa con un’ammucchiata di larghe imprese & intese guidata da Draghi (peraltro ignaro di tutto), previa riabilitazione del Caimano. Perfino Andrea Orlando, non proprio un tupamaro, ha denunciato la manovra. E tutti si sono affrettati a smentire tutto. Poi ieri ha provveduto un’altra volta De Benedetti a confermare tutto al Foglio, per non dare troppo nell’occhio. Sentite che delizia: pur di dare “il benservito a Conte”, “trangugio anche Berlusconi al governo con la sinistra”.

In realtà l’aveva già trangugiato nei governi Monti e Letta, ma a 85 anni un po’ di rincoglionimento ci sta. Infatti aggiunge: “Mai avrei immaginato di dire che al mondo esiste qualcosa di peggiore di Berlusconi” (dimenticando che nel 2005 l’aveva invitato a cena e a diventare socio del suo nuovo fondo “private equity” salva-imprese). E chi sarebbe peggio di B.? Conte, “il vuoto pneumatico”, “l’unico che ha beneficiato del Covid”, “basta il caso Autostrade per qualificare la sua nullità” (a CdB piange il cuore che chi ha lasciato crollare il Ponte Morandi con 43 morti sotto perda la concessione, con i cui guadagni Autostrade sponsorizzava le feste della sua Repubblica). E attenzione: per lui B. rimane “un grande imbroglione” che ha segnato “un periodo nero” con la sua “corruzione morale”, oltre ad avergli fregato la Mondadori comprandosi un giudice. Però dài, in fondo resta “un grande”, “sempre sul pezzo, non perde mai un’occasione, non si ferma mai. E questo è straordinario”. Quindi i 40 anni di battaglie della sua Repubblica sula questione morale, la legalità, la Costituzione, Libertà e Giustizia, le 10 domande di D’Avanzo, gli appelli di Saviano, le invettive di Cordero sul Caimano e l’Egoarca, le tirate dei moralisti repubblichini erano esche per gonzi. Saranno contenti gl’interessati, almeno quelli vivi, oltre ai lettori rimasti a Repubblica e quelli eventuali di Domani. Casomai qualcuno non avesse ancora capito, l’Ingegnere invoca una nuova “un presidente del Consiglio finalmente capace di fare il suo mestiere” (tipo spifferargli i decreti in anteprima o farsi scrivere le leggi da lui). E completa la confessione con il movente: “È in arrivo nel nostro paese una quantità di denaro da investire che non si vedeva dal primo dopoguerra”, “un’occasione storica: ora o mai più”, “denaro pubblico da non sprecare” per “modernizzare il Paese” (magari con le telescriventi Olivetti obsolete rifilate alle Poste in cambio di mazzette). E vorrete mica far gestire tutto quel bendidio a un premier che non ruba, non fa insider trading, non si fila i Benetton o i De Benedetti e, quando gli mandano emissari per agganciarlo, li spedisce a quel paese? Per chi era uso fare e disfare governi nel salotto di casa sua o dei suoi direttori, è dura ritrovarsi a Palazzo Chigi uno che non ti chiama, non ti richiama, anzi non ti si calcola proprio. Molto meglio il “vecchio imbroglione”: fra colleghi ci s’intende sempre.
Ps. Massima solidarietà ai giornalisti di Domani. Avevano capito da una sua precedente intervista di essere un giornale di sinistra, ora che Molinari ed Elkann “portano Repubblica a destra”. E si ritrovano un padrone che riabilita B. senza neppure il brivido dell’esclusiva.

Sorgente: Grazie, Ingegnere – Il Fatto Quotidiano

Il Fatto quotidiano

Hits: 222

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*