Vale tutto – Il Fatto Quotidiano

Ogni tanto mi diverto a scorrere i commenti sulla mia pagina Facebook e provo pena non tanto per le persone raziocinanti sopraffatte dai dementi che delirano sulle mie cause perse con l’Innominabile (mai perso una causa con lui), sui soldi che mi versa Casaleggio (che mi ha fatto causa), sui milioni che il Fatto incassa dallo Stato (mai un euro in 11 anni) e sul simpatico giochino del “Parlaci di Bibbiano” se scrivi di Salvini, “Parlaci di Salvini” se scrivi di Bibbiano, “Perché non critichi i 5Stelle?” se hai appena criticato i 5Stelle. Ma quello è un mondo a parte: il dessert della legge Basaglia e l’antipasto dell’Era del Mitomane prossima ventura. Il guaio è che ormai vale tutto anche sui media tradizionali. Su La7 si parla di Fontana e una poverina tira in ballo l’ex fidanzato di Casalino: come se un cameriere cubano (privato cittadino non indagato) che si fa fregare 18mila euro (soldi suoi) col trading online c’entrasse qualcosa col presidente di Regione (pubblico ufficiale indagato) che mente una dozzina di volte sull’appalto da 513mila euro (soldi nostri) senza gara alla ditta del cognato e della moglie, poi camuffato da donazione gratuita quando Report lo scoprì, gratuita mica tanto perché tentò di girare 250mila euro al cognato dai 5,3 milioni trasferiti dalle Bahamas su un conto svizzero. E, su Repubblica, scarica elegantemente le colpe su sua madre, ovviamente morta.

Sul Corriere il presidente di Confindustria Carlo Bonomi dà fiato alla bocca come nemmeno al bar: “Per il governo la fase 2 non è ancora iniziata” (se era per lui, manco la fase 1, visti i suoi ostruzionismi da presidente di Assolombarda contro la chiusura delle aziende mentre i lombardi morivano come le mosche); “mi aspettavo di vedere già scritto il Piano nazionale delle riforme” per il Recovery fund (tutti i Paesi Ue lo presenteranno a ottobre, ma lui deve pur dire qualcosa, visto che un mese fa chiedeva “un altro governo” perché questo non prende ordini da lui); “non potremo più confondere l’Europa con task force e stati generali” (dove parlò anche lui, tanto erano inutili); urgono le riforme di “burocrazia e fisco” (la prima appena fatta nel dl Semplificazioni, la seconda in cantiere da questa settimana); quanto al lavoro, “siamo alle solite” perché se ne occupa “un comitato” (pensa che le leggi si scrivano da sole, o che sia meglio fare come B. e l’Innominabile: Confindustria dettava e i governi scrivevano); “scostamento di bilancio da 25 miliardi per distribuire altre risorse a pioggia” (invece di regalarle tutte ai ricchi, si aiutano anche poveri e i disoccupati), anziché “eliminare” il blocco dei licenziamenti (giusto: mettiamo per strada milioni di persone come in America).

Del resto il giornale di Confindustria, il Sole 24 Ore, spara l’ennesimo allarme inesistente: “Scuola rischio caos per settembre” perché è “impossibile fornire 3 milioni di banchi” (come se oggi le scuole avessero zero banchi o il governo le obbligasse a cambiarli tutti). Intanto, non contenti di contar balle sulla condanna di B. facendo parlare un giudice morto che, da vivo, l’aveva firmata pagina per pagina, i giornali di destra se ne inventano un’altra: l’ex sindaco FI di Parma Pietro Vignali è stato “abbattuto dai giudici”, mentre era “pulito” come giglio di campo per sostituirlo col grillino Federico Pizzarotti, tant’è che “la sua posizione è stata archiviata dopo 10 anni” ed è stato “completamente riabilitato” (Giornale, Verità e Riformista, che confondono un’archiviazione-prescrizione per abuso d’ufficio col processo sulla Tangentopoli parmigiana che indusse la giunta Vignali a dimettersi nel 2011). Resta da spiegare come mai Vignali nel 2015 patteggiò 2 anni di carcere per peculato e corruzione, cioè per aver derubato il suo Comune, che infatti s’impegnò a risarcire con mezzo milione di euro: tipico caso di innocente che si crede colpevole.
Siccome vale tutto, si ascoltano squilibrati in Parlamento e a convegni No Covid che strillano alla dittatura per la proroga dello stato d’emergenza quando il virus è sotto controllo. Ma il virus è sotto controllo, almeno in Italia, proprio grazie alle misure adottate dello stato di emergenza. Eravamo già pronti ad assegnare il Cazzaro d’Oro a Salvini per il suo strepitoso “La mascherina non ce l’ho e non la indosso” (basta dire “non ce l’ho” o “non la indosso”, salvo spiegare come si potrebbe indossare una cosa che non si ha), per giunta pronunciato in Senato, cioè nel luogo dov’è stato approvato l’obbligo di mascherina nei luoghi chiusi senza distanziamento (con multe per i contravventori che però a Salvini, chissà perché, non vengono mai inflitte). Poi abbiamo scoperto che all’insigne consesso ha dato un imperdibile contributo il giudice emerito della Consulta Sabino Cassese, in arte Capannelle, con una perla di rara saggezza: “Non si può prorogare lo stato di emergenza perché l’emergenza non c’è più”. L’arzillo vegliardo dimentica che l’emergenza c’è molto più oggi di quando fu deciso lo stato d’emergenza: era il 31 gennaio e i contagiati erano appena 2 in tutt’Italia e i morti 0, mentre ora i positivi sono 12.609 (181 infetti e 10 morti solo ieri). E nel resto del mondo (anche in Paesi vicini come Spagna e Francia) oggi, non sei mesi fa, si registrano i picchi massimi di contagio, con rischi di focolai d’importazione. Quindi l’ambìto riconoscimento va all’emerito Capannelle: come nei Soliti ignoti, un bel baracchino di pasta e ceci.

Sorgente: Vale tutto – Il Fatto Quotidiano

Il Fatto quotidiano

Hits: 147

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*