Scusate il ritardo – Il Fatto Quotidiano

Non ci volevo credere. Ma, a furia di leggere gli interventi di Stefano Folli e Michele Ainis su Repubblica, e soprattutto quelli di Sabino Cassese su Corriere, Foglio, convegni, tutte le tv, Protestantesimo, Radio Maria e segnale orario, mi sono convinto: siamo in piena svolta autoritaria, tacere ancora sulle continue violazioni della Costituzione di un potere abusivo che conculca le libertà dei cittadini sarebbe complicità. C’è un presidente che si crede il Re Sole e, con la scusa dell’emergenza, calpesta la volontà degli elettori e del Parlamento. Concede la grazia alle spie della Cia latitanti dopo la condanna per aver sequestrato l’imam Abu Omar a Milano, deportandolo in Egitto per farlo torturare: e così viola la sentenza della Corte costituzionale che limita la grazia a “motivi umanitari” per chi ha già scontato una parte della pena (e le spie Cia, mai estradate, non hanno mai visto la cella). Traffica col suo consigliere giuridico, su richiesta del suo amico Mancino, per deviare l’indagine sulla trattativa Stato-mafia. Fa trascinare al Csm i pm di Palermo con accuse infondate. E li trascina alla Consulta per la pretesa, contraria alla legge, di bruciare i nastri delle sue telefonate con Mancino senza farli ascoltare ai difensori. Attacca la stampa che osa occuparsi dello scandalo e invoca leggi per imbavagliarla sulle intercettazioni. Mette nel mirino altri pm insensibili alla “ragion di Stato”: Woodcock, De Magistris, Nuzzi, Verasani, Apicella, Forleo, Robledo. Entra a gamba tesa al Csm per impedire a Lo Forte di diventare procuratore di Palermo e mandarci il meno anziano e titolato Lo Voi. Il tutto in piena èra Palamara, che fa comodo a tutti.

Sabota il governo Prodi2 auspicando larghe intese con B. Salva B. dalla sfiducia chiesta da opposizioni e finiani, rinviando il voto di un mese e consentendo a B. di acquistare 30 deputati. Un anno dopo B. cade lo stesso e lui, anziché far scegliere agli italiani il governo che dovrà ricostruire il Paese, impone al Pd di appoggiare Monti con B. Poi invita i cittadini a non votare il M5S, che invece vince le elezioni: allora fa di tutto per tenerlo fuori dal governo, con le larghe intese fra gli sconfitti. A costo di farsi rieleggere contro ogni prassi costituzionale e ogni sua promessa, per sbarrare la strada a Rodotà, che la Carta la conosce e minaccia di applicarla davvero. Diffida i pm dallo “scontro” con la politica e le imprese, predicando il “dialogo” mentre emergono gravissimi delitti nelle banche, nelle grandi opere, all’Expo, al Mose, all’Ilva, alla Fiat, all’Eni. Impartisce ordini al Parlamento che l’ha appena rieletto, minacciando di dimettersi anzitempo se non cambierà la Costituzione su cui ha giurato da presidente ben due volte.

Delegittima la magistratura e le sue sentenze riabilitando il pluripregiudicato latitante Craxi. E, appena B. viene condannato definitivamente per frode fiscale, gli fa balenare una grazia condizionata alle sue dimissioni dal Senato (inutili perché la legge vieta ai pregiudicati di sedere in Parlamento): grazia illegittima perché tutt’altro che umanitaria, sempre alla luce della nota sentenza della Consulta che lui finge di ignorare. Poi, per salvare Letta, benedice la scissione da FI del Ncd di Alfano, Schifani &C. Ma Letta cade lo stesso e allora avalla il ribaltone dell’Innominabile, ma a patto che si metta d’accordo col pregiudicato B. per scassare la Costituzione. E depenna dalla lista dei ministri il nome più nobile: Nicola Gratteri alla Giustizia, perché “quel ministero non fa per i magistrati” (per i delinquenti invece sì). I suoi ordini categorici e imperativi per tutti (che i suoi corazzieri e turiferari chiamano eufemisticamente “moniti”) non risparmiano nessuno dei poteri che dovrebbero controllare lui, non essere controllati da lui: Parlamento, governo, partiti di maggioranza e opposizione, elettori, magistrati, Consulta, giornalisti, sindacati, movimenti di piazza, persino gli storici (quelli che osano sostenere l’esistenza di un “doppio Stato”: quello che combatte mafia e terrorismo, e quello che li fomenta, fiancheggia e copre) e i produttori-sceneggiatori-registi di film (quelli che sostengono, sugli anni di piombo, idee diverse dalle sue). Mancano solo i panettieri e i trapezisti. Firma circa 200 decreti senza che nessuno gridi alla tirannide. Non respinge alle Camere una sola delle decine di leggi-vergogna di B.&C. perché non ne ha il potere (invece ce l’ha: vedi l’art. 74 della Costituzione e i celebri “no” dei suoi predecessori Scalfaro e Ciampi).

Ecco con chi ce l’hanno oggi Folli, Ainis e Cassese quando agitano la svolta autoritaria: dicono Conte, ma pensano a Napolitano, tentando di recuperare il tempo perduto. Già allora volevano denunciare i superpoteri illegittimi, ma non potevano. Folli era troppo impegnato a incensare Re Giorgio sul Sole 24 Ore. Cassese a fare la chioccia al principe ereditario Giulio e a candidarsi al Quirinale nel nome del padre. Ainis a fare uno dei 35 “saggi” ricostituenti (poi saliti a 42+7) scelti da Napolitano&Letta per cestinare la Carta del 1948. Combattevano la tirannide in gran segreto e in silenzio. Come Fantozzi quando si martella il dito montando la tenda in piena notte, temevano di svegliare qualcuno: allora si son tappati la bocca e hanno corso nel bosco fino all’altroieri, quando sono finalmente usciti e hanno cominciato a strillare. Con appena dieci anni di ritardo. Ma che sarà mai.

Sorgente: Scusate il ritardo – Il Fatto Quotidiano

Il Fatto quotidiano

Hits: 156

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*