I garantisti forcaioli – Il Fatto Quotidiano

L’ultima frontiera delle fake news è quella di far dire al titolo il contrario di ciò che dice l’articolo. È il metodo della nuova Repubblica di Sambuca Molinari. L’altro giorno titola in prima pagina: “Effetto Draghi sui leader. Gli elettori del Pd divisi sul referendum”. Poi uno legge l’articolo di Ilvo Diamanti sul suo ultimo sondaggio e scopre che Draghi, ex banchiere in pensione infilato abusivamente fra i leader politici, è solo terzo dietro a Conte e a Zaia; e che il Sì al referendum stravince all’82% e domina fra gli elettori di tutti i partiti, Pd incluso. Ma titolare “Conte al 60% e il Sì all’82%” pare brutto: sennò poi i lettori capiscono cosa dice il sondaggio. Stesso copione martedì sullo studio dell’Istituto Cattaneo che simula il prossimo Parlamento con la nuova legge proporzionale e con 600 eletti al posto di 945, in base alla media dei sondaggi di oggi: “Ecco il Parlamento se vince il Sì. Destra avanti in entrambe le Camere”. Naturalmente la destra sarebbe avanti anche se vincesse il No, perché il taglio riguarda tutti i parlamentari, anche quelli di destra, non solo grillini e centrosinistri; e col proporzionale vince chi prende più voti, cioè – secondo la maggioranza dei sondaggi di questi giorni -la destra. Ma tutto fa brodo: vedi mai che qualche lettore idiota ci caschi, si spaventi e corra a votare No pensando di sbaragliare le destre.

Ieri, terzo replay. Titoli a pag. 1 e 2: “Metà dei boss ancora a casa. Sono 112 su 223 i mafiosi e narcotrafficanti liberati durante il lockdown e non rientrati in cella nonostante il decreto Bonafede”. “La beffa dei boss mafiosi scarcerati per il virus. Nonostante il dl Bonafede che avrebbe dovuto riportarli in cella”. Poi leggi l’articolo, correttissimo e informatissimo, e scopri che nel titolo non c’è una parola di vero: tutto falso o fuorviante. Se il titolo rispecchiasse l’articolo, non meriterebbe neppure una breve in cronaca: l’unica novità è che durante il lockdown i boss veri o presunti scarcerati non erano 498, come si era detto e strombazzato, ma 223 (meno della metà, di cui solo 121 pregiudicati e 102 presunti non colpevoli, perché mai condannati, ma in custodia cautelare; gli altri 275 erano finiti ai domiciliari per motivi del tutto estranei alla pandemia). Aggiungiamo che, com’è noto a tutti fuorché ai titolisti di Repubblica e ai teleconduttori scalmanati, quei detenuti non sono stati scarcerati e spediti ai domiciliari a causa (o con la scusa) del Covid da Bonafede, ma da decine di giudici di sorveglianza in base a leggi preesistenti: l’unica norma nuova, inserita dal ministro nel dl Cura Italia di fine marzo, restringeva l’applicazione della svuotacarceri di Alfano, escludendo i detenuti per reati di mafia e altri delitti gravissimi.

Ma qui, come in un noto talk show di mitomani, si continua a far credere il contrario, cioè che il Guardasigilli abbia il potere di arrestare o scarcerare i detenuti. Il dl Antiscarcerazioni, varato il 9 maggio, non avrebbe affatto “dovuto riportarli in cella”: se l’avesse solo tentato, sarebbe stato incostituzionale perché avrebbe violato la più elementare divisione dei poteri. Il decreto impone ai tribunali di sorveglianza di riesaminare le loro ordinanze di scarcerazione alla luce dell’attenuarsi dei contagi e della maggior disponibilità di posti letto in strutture sanitarie detentive; ma spetta sempre ai giudici decidere chi rimandare in cella e chi lasciare a casa (il che non ha risparmiato a Bonafede accuse da avvocati e magistrati, addirittura ricorsi alla Consulta). E così è stato: 111 sono tornati dentro e 112 sono rimasti ai domiciliari. Peraltro, dei sei soggetti pericolosi ancora fuori citati da Repubblica, uno non era uscito per rischio Covid (quindi col decreto non c’entra); e, per gli altri cinque (quattro in custodia cautelare, cioè presunti non colpevoli, e uno solo condannato), il Dap ha proposto soluzioni sanitarie adeguate in strutture detentive, ma i giudici hanno ugualmente confermato i domiciliari.
Quindi, con chi ce l’ha Repubblica? E soprattutto: cosa propone? Intende forse polemizzare con i giudici che abusano del loro potere per metter fuori i criminali, come gli “ammazzasentenze” di un tempo, che scarceravano decine di boss (quelli sì, sicuri, perché pregiudicati) con la scusa di un timbro sbagliato o di una pagina di sentenza mancante? Nossignori: di questa polemica non c’è traccia, altrimenti poi chi li sente i “garantisti” repubblichini. L’unico colpevole citato della “beffa” è il ministro, che non c’entra nulla, anzi ha fatto fin troppo per rimediare allo sbrego aperto nell’Antimafia dai tribunali di sorveglianza. Come passa il tempo. A marzo Repubblica contestava Bonafede perché non svuotava le carceri con un bell’indulto o una bella amnistia e dunque preparava la strada a una strage di detenuti per Covid (risultato: 1 morto di Covid su 61mila detenuti in sei mesi). Ora lo contesta per averle svuotate troppo (mentre l’han fatto i giudici, in barba ai suoi decreti). Prima lo attaccava per aver abolito la prescrizione a danno di “tanti innocenti in carcere” (che con la prescrizione non c’entrano nulla). Ora pretende che si sostituisca ai giudici per riarrestare per decreto i detenuti e chiama “boss”, “mafiosi” e “narcotrafficanti” anche quelli mai condannati, dunque – per la nostra Costituzione – presunti non colpevoli. E questi sarebbero i “garantisti”. Poi ci sono i “giustizialisti”, che saremmo noi. Ma andé a ciapà i ratt.

Sorgente: I garantisti forcaioli – Il Fatto Quotidiano

Il Fatto quotidiano

Hits: 123

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*