Pulizie di fine anno – Il Fatto Quotidiano

A fine anno si fanno le pulizie di casa e si butta via ciò che non serve più. Noi italiani abbiamo l’imbarazzo della scelta, avendo perso il poco tempo libero lasciato dal Covid a parlare di cose inutili o inesistenti. Ricordate il rapporto dell’ex ministro della Giustizia americano Barr che avrebbe smentito Conte sul vertice del 2019 con i capi dei nostri servizi segreti sul Russiagate? Nessun rapporto Barr, nessuna smentita. E la riforma della prescrizione che doveva far cadere il governo o essere cancellata per non trasformare l’Italia in uno Stato di polizia? È in vigore da un anno e non se ne parla più, a parte i complimenti dell’Europa. E il Recovery Fund da 750 miliardi che non sarebbe mai passato per il veto dei Paesi frugali e della Merkel? È passato a luglio con l’appoggio della Merkel e Conte ne ha ottenuto il 27,8% (209 miliardi). E le “centinaia di boss scarcerati da Bonafede”? I boss scarcerati (dai giudici si sorveglianza) erano tre e sono tornati dentro con altre centinaia di delinquenti (non-boss) grazie al dl Bonafede anti-scarcerazioni, che doveva essere bocciato dalla Consulta, che invece l’ha approvato. E le scuole che non avrebbero mai riaperto grazie all’incapace Azzolina? Hanno riaperto, anche se poi la seconda ondata ha riportato i più grandi in Dad. E i nuovi banchi che mai sarebbero arrivati perché il bando dell’incapace Arcuri sarebbe andato deserto? Al bando hanno partecipato 14 aziende e le 12 vincitrici hanno consegnato i 2,5 milioni di banchi.

E il rimpasto? Sparito. E il governo Draghi? Mai visto. E il Mes che Conte e il M5S fingevano di non volere ma sotto sotto erano pronti a prendere di corsa? Mai preso. E l’audio anonimo di Dagospia su Conte che chiude i ristoranti e se ne fa riaprire uno di nascosto per cenare con la sua compagna in barba al suo Dpcm? Tutte balle. E gli appelli e i digiuni contro la strage da Covid nelle carceri? Altra bufala. E l’Italia in ritardo e impreparata sui vaccini mentre tutta Europa era prontissima e in anticipo? Oggi tutti i paesi Ue partono alla pari con 9.750 dosi Pfizer per il Vaccine Day, tranne alcuni (tipo l’Olanda), che non le ha volute perché non è pronta. Dalla prossima settimana Pfizer ci consegnerà 450mila dosi ogni 7 giorni per arrivare a 1,8 milioni a fine gennaio. E si spera che il 6 gennaio arrivi l’ok al vaccino Moderna (un altro milione di dosi in tre mesi). Così per fine febbraio saranno vaccinati il personale sanitario e gli anziani delle Rsa, poi toccherà a tutti gli altri. Ma, anziché gioire per la buona notizia, i rosiconi ripetono che andrà tutto male. È possibile: siamo in Italia. Ma, se dovesse andare almeno benino, quando il vaccino toccherà a loro diventeranno tutti verdi. E non per le reazioni avverse: per la bile.

Sorgente: Pulizie di fine anno – Il Fatto Quotidiano

Hits: 141

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*