Nessuno tocchi Gallera – Il Fatto Quotidiano

Siccome corre voce che la Lega voglia privarci di Giulio Gallera, lo diciamo chiaro e forte: non ci provate. In tempi così cupi, manca solo che ci venga a mancare la nostra prima fonte di buonumore. E perché, poi? Perché – dicono i leghisti – “le sue dichiarazioni non sono state condivise e non rappresentano il pensiero del governo della Lombardia”. Ma scherziamo? Avete mai visto un comico che concorda battute, gag e sketch con un partito? Non contenti di avergli chiuso i teatri, ora vorrebbero pure imbrigliare la sua creatività artistica. E poi come sarebbe che le sue dichiarazioni non rappresentano il pensiero della giunta? E chi lo decide, il pensiero: Fontana dalle Bahamas o da un caveau svizzero? Gallera è il miglior rappresentante del pensiero (si fa per dire) del governo (si fa sempre per dire) lombardo. E non si vede cos’abbia detto di strano rispetto ai suoi standard. Ha solo raccontato alla Stampa che “abbiamo medici e infermieri con 50 giorni di ferie arretrate. Non li faccio rientrare per un vaccino nei giorni di festa” e ovviamente non è vero. Ma perché: le cazzate che han detto lui e Fontana nell’ultimo anno erano forse vere e concordate con la Lega? Poi ha rivelato che “abbiamo preparato un’agenda” e lì ha scoperto che “il 31 era l’ultimo giorno dell’anno”. Fatto vero, fra l’altro, anche se l’ha notato solo lui: infatti altre Regioni hanno seguitato a vaccinare pure il 31, decuplicando le dosi iniettate dal famoso modello Lombardia.

E lui giustamente se l’è presa con quelle che han fatto meglio (tutte, salvo Molise, Calabria e Sardegna): “Agghiacciante. Han fatto la corsa per dimostrare di essere più brave di chissà chi”. Cioè di lui. Anche qui ha ragione da vendere: ma come, invece di stare tutti fermi in attesa che la Lombardia tornasse dalle ferie, si mettono a vaccinare medici, infermieri e anziani pure il 31 per farla sfigurare? Ma si fa così? Non è sportivo. Si chiama recidiva: certe Regioni hanno persino comprato i vaccini antinfluenzali solo per sputtanare la Lombardia che invece, furba lei, aveva evitato. Basta, c’è un limite a tutto. Noi siamo con lui. E lanciamo una petizione a nome di tutto il mondo dell’avanspettacolo: “Giù le mani da Gallera”. A meno che non si trovi un altro assessore alla Sanità che non conosce la legge 833/ 1978 “Istituzione del Servizio Sanitario nazionale”. O chiama “ospedale” il baraccone di Bertolaso in Fiera. O impone le mascherine all’aperto, ma precisa che vanno bene pure “sciarpe e foulard”. O, sull’indice R0 a 0,5, spiega che “ora bisogna trovare due persone infette allo stesso momento per infettare me”. O vanta, tra le referenze, quella di “Cavaliere del Bollito Misto”. Un altro cabarettista così deve ancora nascere. Guai a chi ce lo tocca.

Sorgente: Nessuno tocchi Gallera – Il Fatto Quotidiano

Hits: 117

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*