Cassandro Ricciardi – Il Fatto Quotidiano

Le interviste a getto continuo del professor Walter Ricciardi, “consigliere del ministro Speranza”, insidiano per frequenza e molestia quelle del professor Sabino Cassese, consulente di sé medesimo. È, il prof. Ricciardi, uno strano tipo di consigliere, perché non è mai d’accordo con chi dovrebbe consigliare. Al punto da autorizzare il sospetto che i consigliati non ascoltino mai i suoi consigli, o li ascoltino per fare il contrario (in entrambi i casi, non si spiega perché se lo tengano). Di solito i consulenti consigliano e poi tacciono. Invece il consulente Ricciardi, che è un po’ il Bartali della sanità (tutto sbagliato, tutto da rifare), parla con tutti e dappertutto, sempre per annunciare catastrofi, cataclismi e funerali, con una voluttà sepolcrale che fa apparire la buonanima di Ugo La Malfa un buontempone. Dipendesse da lui, saremmo sepolti vivi in casa come l’abate Faria almeno da marzo. Senza ora d’aria. Se il governo fa il lockdown, dice che non basta: ci vuole l’ergastolo. Se il governo fa le zone rosse, chiede perché ce n’è pure qualcuna gialla e arancione. Se il governo parte col vaccino facoltativo, lo vuole obbligatorio. A novembre voleva un lockdown bis e, siccome il governo non lo fece, vaticinò che ci saremmo finiti lo stesso riempiendo ospedali e terapie intensive. Invece in lockdown ci sono finite Berlino e Londra, e noi abbiamo ridotto i ricoveri ordinari da 35 a 23mila e in terapia intensiva da 3.900 a 2.300 senza il suo amato lockdown. A dicembre voleva riaprire le scuole a metà gennaio e ora che riaprono a metà gennaio dice che è folle (si riferiva a gennaio 2022). Forse pensa che gli studenti, se non vanno a scuola, si barrichino tutti in casa h24.

Pagherei un capitale per assistere a un dialogo fra il consigliere Ricciardi e il consigliato Speranza. Ma anche per seguire il nostro Cassandro nella sua vita quotidiana. La mattina esce di casa, anzi dal feretro, in gramaglie e ammonisce il lattaio: “Ha saputo? Andrà tutto male”. Poi passa dal fruttivendolo: “Si ricordi che deve morire”. E, al barista appena uscito dal Covid, rammenta: “Io gliel’avevo detto, anzi vedrà che il virus ritorna”. Ieri era di turno sul Messaggero e piangeva perché “le limitazioni del governo non basteranno, i contagi cresceranno”, “la politica non decide” (come vuole lui), bisogna fare “come l’Australia e la Nuova Zelanda” (e pazienza se quelle sono isole e soprattutto sono in piena estate). Insomma, ci vuole “un lockdown vero”, anche se in Germania e Gran Bretagna che ne fanno uno dopo l’altro non funziona. Ma solo perché lo fanno sempre “troppo tardi” e non quando lo dice lui. Però deve pure capirli: se non se lo fila il governo di cui è consulente, possibile mai che gli diano retta quelli del resto del mondo?

Sorgente: Cassandro Ricciardi – Il Fatto Quotidiano

Hits: 77

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*