Ma mi faccia il piacere – Il Fatto Quotidiano

Lo stratega. “Gli ultrà di Trump accusano l’Italia: ‘Avete rubato le elezioni a Donald’. Per i complottisti l’incontro Obama-Renzi del 2016 servì a preparare il piano. Complici in ambasciata e satelliti Leonardo per assegnare il voto a Biden” (Stampa, 10.1). Tranquilli, ragazzi: quello non riesce nemmeno a far prendere il 2% a Scalfarotto in Puglia.

Lo sciamano. “Salvini grida: ‘Ora basta, andiamo in piazza’” (Libero, 7.1). Avete visto qualcuno?

Congiuntivite. “Conte nel pallone. Da una parte, pensa che sia l’uomo della Provvidenza. Dall’altra, ha paura che lo fottono” (Dagospia, 10.1). Fantocci, batti lei.

Censura buona. “Twitter silenzia Donald: non chiamatela censura” (Gianni Riotta, Stampa,10.1). Giusto: chiamatela Johnny.

L’amico dei clochard. “Mi autodenuncio. Se la scelta del governo sarà che il giorno di Natale non si può neanche portare una coperta o un piatto caldo a chi dorme in strada e ha freddo, io lo farò lo stesso, come da anni sono abituato a fare: portare dei doni ai bambini, pranzare insieme ai clochard. Non potete chiudere in casa il cuore degli italiani” (Matteo Salvini, Lega, Facebook, 25. 12). “Alessandra Locatelli, salviniana di ferro, è il nuovo assessore lombardo alle Politiche sociali. Nota per le posizioni intransigenti contro migranti e senzatetto, fece parlare di sé per l’ordinanza che proibiva di dar da mangiare ai clochard” (Fanpage, 8.1). È la volta buona che Salvini finisce dentro.

Record cioè flop. “Un Arcuri è per sempre.Il super commissario all’emergenza infinita che riesce a sempre a evitare ogni responsabilità dei flop” (Domani, 10.1). Tipo il flop dell’Italia al primo posto in Europa per le vaccinazioni.

Senza parole. “Arcuri ha commissariato il deep state americano. La spiegazione del golpe” (Fabio Vassallo, autore, Domani, 8.1). Questi non stanno per niente bene.

Compagni che inciuciano. “Il centrodestra disposto a un ‘esecutivo di scopo’” (Giornale, 10.1). “Pisapia: ‘Un governo di scopo con un presidente del Consiglio diverso. Così si può uscire dalla crisi. Ci sono molte persone che possono avere la fiducia di una maggioranza molto più ampia’” (Corriere della sera, 19.1). Riuscirà il compagno Pisapia a riportare al governo B. e Salvini? Vai, Giuliano, sei tutti loro!

Il poliglotta. “Boris è fuori dall’Europa: ‘Salutame a soreta’” (Pietro Senaldi, Libero, 2.1). Mi sa che Senaldi è madrelingua.

Paesi normali. “Christine Aschbacher, ministra austriaca del Lavoro, si è dimessa: è accusata di avere copiato parti della sua tesi di master e di quella di dottorato” (Corriere della sera, 10.1). Mica si chiama Marianna Madia.

I morti a galla. “Il premier ha tardato ad agire, se avesse assunto l’iniziativa quando noi lo chiedemmo e quando Iv non aveva posto questioni, i problemi avrebbero potuto essere risolti in modo meno traumatico” (Andrea Orlando, vicesegretario Pd,Stampa, 10.1). È un peccato che Conte non abbia l’argento vivo e lo sfrenato dinamismo di un Orlando.

Chi conosce i fatti. “Alla storia della cosiddetta Trattativa non crede nessuno e nessuno che conosce i fatti può credervi. Si era incaricato di smentirla Giovanni Falcone” (Alfonso Giordano, giudice del maxiprocesso,Riformista, 9.1). Diavolo d’un Falcone: la trattativa Stato-mafia partì subito dopo la strage di Capaci, ma lui riuscì a smentirla anche da morto: forse apparendo in sogno al collega Giordano, forse in una seduta spiritica.

Giorgio Covid. “Bergamo, inchiesta Covid. Il sindaco Gori: ‘Il Comune è parte civile’” (Giornale, 29.12). Si chiede i danni da solo.

Il virus dei Pollari/1. “Merkel ha parlato alla nazione. Giuseppi molto cauto: perché?” (Claudia Fusani, Riformista, 8.1). Chiedilo a Pio Pompa.

Il virus dei Pollari/2. “Dopo aver perso la sponda degli Usa il premier saluta l’ombrello tedesco” (Claudio Antonelli, Verità, 9.1). Te l’ha detto Pio Pompa?

Il virus dei Pollari/3. “Adesso il Russiagate rischia di mettere Conte nei guai” (Luca Fazzo, Giornale, 8.1). L’hai saputo da Pio Pompa?

Nostalgia canaglia. “Trump, ecco cosa succede quando si uccidono i partiti” (Fabrizio Cicchitto, Riformista, 8.1). E ci si iscrive alla P2.

Paga Pantalone. “Intanto le mie offese non sono gratuite: mi pagano per farle” (F.F. a Rocco Casalino, Libero, 7.1). Trattandosi di Libero, le pagano i contribuenti, soprattutto quelli che non leggono Libero.

Formidabili quei danni. “Ufficiale, Davigo fuori dal Csm. Ora va a fare danni sul ‘Fatto’” (Verità, 8.1). Paura, eh?

Il titolo della settimana/1. “Per usare i fondi Ue il governo ricicla i piani di Monti” (Roberto Formigoni, pregiudicato per corruzione, Libero, 3.1). Invece di darli direttamente a lui.

Il titolo della settimana/2. “Muccioli dava fastidio a due chiese: quella cattolica e quella comunista” (Red Ronnie, Verità, 9.1). Alle porcilaie e alle macellerie, invece, un po’ meno.

Il titolo della settimana/3. “Renzi: ‘Basta con questa telenovela’” (Stampa, 10.1). Lo dice lui a noi.

Sorgente: Ma mi faccia il piacere – Il Fatto Quotidiano

Hits: 72

One Reply to “Ma mi faccia il piacere – Il Fatto Quotidiano”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*