Giuseppe Conte incontra i cittadini: le prossime tappe – Movimento 5 Stelle

Siamo ancora qui, ancora in viaggio. Il nostro percorso su e giù per l’Italia, a ogni tappa, si arricchisce di spunti e argomenti di dibattito, il filo che unisce il Movimento e il suo popolo è sempre più saldo. Ed è proprio questo fortissimo legame che il presidente Giuseppe Conte avverte tutti i giorni per le strade e nelle piazze, nei mercati e nei centri dove si ferma a confrontarsi con i cittadini, ad ascoltarli.

Fino a domenica 3 e a lunedì 4 ottobre, giorni del voto amministrativo, noi saremo in giro. Dopo Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna, visitate durante la prima settima del viaggio, e Toscana, Umbria, Marche, Abruzzo e Puglia, toccate nella seconda settimana, il presidente Conte sarà nei prossimi giorni in Calabria, Lazio, Molise e Campania.

Leggi tutto >: Giuseppe Conte incontra i cittadini: le prossime tappe – Movimento 5 Stelle

Hits: 346

Ce lo chiedono tanti italiani: è ora di ripartire – Movimento 5 Stelle

Nel Paese soffia forte un vento nuovo. Da Nord a Sud. C’è tanta voglia di ripartire e di cambiare le cose. Non lo diciamo noi, ce lo dicono i cittadini che stiamo incontrando e ascoltando insieme al presidente Giuseppe Conte, battendo palmo a palmo l’Italia.
Cambiare e progredire, per fare sempre meglio. Questo non vuol dire stravolgere i valori del MoVimento 5 Stelle, semmai rafforzarli e inserirli in un contesto politico, economico e sociale che non può non tenere conto della pandemia che stiamo provando a lasciarci alle spalle e dei cambiamenti climatici che impongono di impegnarsi per una svolta ambientalista, nel solco di una transizione ecologica che è destinata a modificare in meglio le nostre abitudini nei prossimi trent’anni: non a caso, l’orizzonte che abbiamo disegnato e inserito nel nostro simbolo è quello del 2050.

Leggi tutto >: Ce lo chiedono tanti italiani: è ora di ripartire – Movimento 5 Stelle

Hits: 215

Le revisioni del tempo – Il Fatto Quotidiano

Da ieri la Corte d’assise d’appello di Palermo è in camera di consiglio e fra pochi giorni ne uscirà per confermare o cancellare le condanne per la trattativa Stato-mafia. In primo grado furono giudicati colpevoli di minaccia a corpo politico dello Stato, oltre ai boss Bagarella e Brusca (Riina e Provenzano sono morti durante il processo), il medico mafioso Cinà, gli ex capi del Ros Subranni, Mori, De Donno e l’ex senatore Dell’Utri, più Massimo Ciancimino (per calunnia). Ora, come ha spiegato Marco Lillo, tutte le udienze del secondo grado hanno confermato e addirittura corroborato le accuse. Ma un fatto nuovo potrebbe mandarle totalmente o parzialmente in fumo: l’assoluzione definitiva dell’ex ministro Mannino (rito abbreviato). Una sentenza minimalista e revisionista: non solo nega che Mannino abbia istigato il Ros a trattare con i vertici di Cosa Nostra tramite Vito Ciancimino per salvarsi dalla vendetta mafiosa. Ma addirittura svilisce la trattativa a mera “operazione info-investigativa di polizia giudiziaria… attraverso la promessa di benefici personali a Ciancimino” in cambio di una sua fantomatica “infiltrazione in Cosa Nostra” per la “cattura di Riina” e la fine delle stragi. Una barzelletta, visto che Ciancimino non si infiltrò in Cosa Nostra, non fece catturare Riina (scovato grazie al pentito Di Maggio e forse alle dritte di Provenzano) e le stragi si moltiplicarono proprio a causa della trattativa, che le aveva rese convenienti agli occhi dei boss.

Si spera che i due giudici togati e i sei popolari non si facciano incantare da queste tesi negazioniste. E si basino su ciò che hanno ascoltato in aula e sulle numerose sentenze, anche definitive, sulle stragi del 1992-‘94, che consacrano la trattativa come un fatto assodato oltre ogni ragionevole dubbio. Del resto, per sapere che la trattativa ci fu, basta rivedersi il video (è su YouTube) delle testimonianze di Mori e De Donno nel ‘97 al processo fiorentino sulle stragi del ‘93. Mori parla tranquillamente di “trattativa” e confessa di aver contattato Ciancimino per tentare di fermare le stragi dopo l’assassinio di Salvo Lima e la mattanza di Capaci (“non si può parlare con questa gente?”) e superare il “muro contro muro” sorto fra Stato e Cosa Nostra (che al generale appariva incredibilmente strano). Anche De Donno la definisce “trattativa”: “A Ciancimino proponemmo di farsi tramite, per nostro conto, di una presa di contatto con gli esponenti di Cosa Nostra, al fine di trovare un punto di incontro… di dialogo finalizzato alla immediata cessazione di questa attività di contrasto netto e stragista nei confronti dello Stato, e Ciancimino accettò con delle condizioni”.

Queste: “La condizione fondamentale era che lui poteva raggiungere il vertice dell’organizzazione siciliana a patto di rivelare i nominativi mio e del comandante al suo interlocutore. Facemmo capire a Ciancimino che questa non era una nostra iniziativa personale… Al quarto incontro, Ciancimino si fece portatore di un messaggio di accettazione della nostra richiesta di trattativa, di dialogo, di discorso dei vertici siciliani. Ci disse: ‘Sono d’accordo, va bene, accettano, vogliono sapere che cosa volete’”. La richiesta del Ros era chiara: l’“immediata cessazione dell’attività stragista nei confronti dello Stato”, con l’evidente intenzione di concedere qualcosa ai corleonesi in cambio della “pax mafiosa”. Infatti Riina esulta con i suoi: “Si sono fatti sotto”. Il farsi avanti del Ros è la prova che le stragi pagano. Proprio ciò che si proponeva quando le concepì sullo scorcio del 1991 nel caso in cui, come poi avvenne, lo Stato avesse tradito gli impegni di insabbiare il maxi-processo in Cassazione: “Fare la guerra per fare la pace”. Infatti prepara il “papello” con le sue richieste allo Stato, molte delle quali verranno esaudite nei mesi e negli anni successivi. E le stragi non si interrompono, neppure dopo la sua cattura (13 gennaio ‘93): anzi, proprio per alzare il prezzo, Cosa Nostra alza il tiro. Prima in via d’Amelio a Palermo contro Borsellino e la scorta (19 luglio ‘92), poi a Roma (attentato a Costanzo, 14 maggio ‘93), poi a Firenze (via dei Georgofili, 27 maggio ‘93), infine a Milano e Roma in simultanea (via Palestro e due basiliche capitoline, 27 luglio ‘93). E ottiene la destituzione del capo del Dap, il duro Niccolò Amato, sostituito da un esponente della linea morbida, e la revoca del 41-bis per 334 mafiosi.

La strage fallita e poi annullata allo stadio Olimpico di Roma (23 gennaio ‘94), tre giorni prima dell’annuncio della discesa in campo di B., chiude la prima trattativa (quella del Ros sotto i governi Amato e Ciampi) e avvia la seconda, con Dell’Utri che – secondo i giudici di primo grado – veicola la minaccia di Cosa Nostra al governo dell’amico Silvio. Il quale, vinte le elezioni del ‘94 anche grazie ai voti di mafia e ‘ndrangheta, prosegue la demolizione dell’antimafia, con attacchi ai pm, ai pentiti, all’ergastolo e al 41-bis e soprattutto con le tre norme filo-mafia contenute nel decreto Biondi (13 luglio ‘94) e anticipate da Dell’Utri a Vittorio Mangano in alcuni incontri nella sua villa sul lago di Como. Il decreto Salvaladri e Salvamafiosi viene ritirato a furor di popolo, ma riassorbito un anno dopo nella “riforma” penale del governo Dini, votata anche dal centrosinistra. Questi sono i fatti, nudi e crudi. E nessuna sentenza negazionista o revisionista potrà mai cancellarli.

Hits: 370

Bollettino Coronavirus Italia, oggi 3.377 casi su 330.275 tamponi e 67 morti: i dati di martedì 21 settembre

In Italia sono stati registrati nelle ultime 24 ore 3.377 nuovi casi di Covid-19 secondo quanto emerge dal bollettino di oggi, martedì 21 settembre 2021, diffuso dal ministero della Salute. Si registrano da ieri altri 67 decessi. Sono 330.275 i tamponi effettuati nelle ultime 24 ore, tasso di positività scende all’1%.


Widget not in any sidebars

Leggi tutto >: Bollettino Coronavirus Italia, oggi 3.377 casi su 330.275 tamponi e 67 morti: i dati di martedì 21 settembre

Hits: 44