Manovra, i 5 stelle: “Respinto l’assalto al reddito”. Conte: “Il governo doveva osare di più e ripristinare cashback contro l’evasione” – Il Fatto Quotidiano


Widget not in any sidebars

Un braccio di ferro tra il centrodestra e il Movimento 5 stelle sul reddito di cittadinanza. È quello che è andato in scena durante il Consiglio dei ministri che alla fine ha approvato all’unanimità la prima legge di bilancio del governo di Mario Draghi. Secondo quanto trapela, però, nel corso della riunione dell’esecutivo gli esponenti […]

Leggi tutto ↣ Sorgente: Manovra, i 5 stelle: “Respinto l’assalto al reddito”. Conte: “Il governo doveva osare di più e ripristinare cashback contro l’evasione” – Il Fatto Quotidiano

Hits: 2525

Come volevasi dimostrare – Il Fatto Quotidiano

I nodi vengono al pettine tutti insieme. Chi, da Mattarella in giù, s’illudeva di mettere la camicia di forza alla politica – che è conflitto, dialettica, scontro di idee, di valori e di principi – con “un governo di alto profilo che non si identifichi con alcuna formula politica” formato da “tutte le forze politiche presenti in Parlamento”, deve riconoscere che era un ossimoro. Prima o poi la politica si libera e si riprende il suo posto. È quanto sta accadendo ora che si scende dai massimi sistemi e dalle massime urgenze (i vaccini e il Pnrr, peraltro già pronti a gennaio senza bisogno di salvatori della patria) e si toccano i legittimi interessi dei cittadini-elettori. Draghi e il suo circoletto di tecnici, che di elettori non ne hanno, possono infischiarsene. Ma i partiti, che molto presto dagli elettori dovranno tornare, no. I populisti dell’élite, molto più qualunquisti e antipolitici di quelli propriamente detti, sognavano che l’assembramento cancellasse le differenze di idee di partiti ed elettori, degradandole sui loro giornaloni a “sabotaggi” e “bandierine”. Ora quell’incubo sta naufragando contro gli scogli della legge Zan, della riforma delle pensioni e presto del dl Concorrenza. Ovvio, visto che gli “alleati” la pensano all’opposto su tutto (a proposito: Renzi d’Arabia è perfetto per Letta). Era già chiaro con la schiforma Cartabia, ma siccome a opporsi era Conte si era preferito ignorare ciò che tutti sanno: i governi, per governare, devono reggersi su un minimo di unità d’intenti. Invece il mastice di questo è il ricatto quirinalesco fondato su due paure: quella dei parlamentari di essere sciolti e perdere il posto; e quella dell’establishment di veder rivincere per la terza volta in 10 anni i “populisti” (dopo M5S e Lega, la Meloni).

Noi ci eravamo permessi di scriverlo fin da subito, ma fummo zittiti come “vedovi di Conte” e nemici “rosiconi” di Draghi. Invece, proprio per la sua figura di altissimo livello, pensavamo che meritasse di più e facesse meglio a evitare d’imbarcarsi in questa disavventura, preservandosi per il Colle. Ciò che ora accade a lui era già capitato ai “migliori” di Monti nel 2011-’12, sul finale della penultima legislatura: i primi mesi di luna di miele, poi gli smarcamenti dei partiti in vista delle urne, infine la resa dei conti. Con una differenza. Allora in fondo al rettilineo, non c’era il Quirinale, infatti Monti si fece un partito e finì come finì. Ora lo sbocco più naturale per Draghi è il Colle e il Vietnam prossimo venturo lo spinge a fuggire verso quel traguardo. Che rimane possibile, ma molto più arduo e incerto di un anno fa. Il terrore generale delle urne, che finora ha cementato il suo governo, potrebbe ritorcerglisi contro. E costargli non solo il Quirinale, ma pure Palazzo Chigi.

Sorgente: Come volevasi dimostrare – Il Fatto Quotidiano

Hits: 431

Covid Italia, il bollettino di giovedì 28 ottobre: oggi 4.866 contagi su 570.335 tamponi e 50 morti


Widget not in any sidebars

Ancora in aumento i casi di Covid-19 in Italia: secondo il bollettino di oggi, giovedì 28 ottobre, sono stati registrati nelle ultime 24 ore 4.866 nuovi contagi su 570.335 tamponi, con il tasso di positività che si attesta allo 0,9% (-0,1%). Altri 50 i morti da ieri. La regione con più casi giornalieri è la Campania.

Leggi tutto ↣ Sorgente: Covid Italia, il bollettino di giovedì 28 ottobre: oggi 4.866 contagi su 570.335 tamponi e 50 morti

Hits: 78

Decreto Genova, Toninelli (M5S): ‘Il governo dei migliori rimanda nuovamente l’entrata in vigore delle condizioni di gestione delle autostrade’ – Silenzi e Falsità


Widget not in any sidebars

“Avevo già denunciato il fatto una settimana fa. Il ‘governo dei migliori’ ha rimandato per l’ennesima volta l’entrata in vigore delle nuove e più stringenti condizioni di gestione delle autostrade contenute nel Decreto Genova del 2018”.  Lo ha scritto Danilo Toninelli in un post pubblicato sul proprio profilo Facebook. “Per farvi capire, queste buone regole […]

Leggi tutto ↣ Sorgente: Decreto Genova, Toninelli (M5S): ‘Il governo dei migliori rimanda nuovamente l’entrata in vigore delle condizioni di gestione delle autostrade’ – Silenzi e Falsità

Hits: 588

Ddl Zan, Travaglio ad Accordi&Disaccordi (Nove): “Gli applausi in Senato? Si tratta delle prove generali per una nuova maggioranza” – Il Fatto Quotidiano


Widget not in any sidebars

“Gli applausi dopo la bocciatura del ddl Zan? Penso che abbiamo assistito alle prove generali per le elezioni del Quirinale: oggi si è manifestata una nuova maggioranza centrodestra più Italia viva”. Così Marco Travaglio, nell’intervento settimanale durante ‘Accordi&Disaccordi’, il talk politico condotto da Luca Sommi e Andrea Scanzi in onda su Nove tutti i mercoledì […]

Leggi tutto ↣ Sorgente: Ddl Zan, Travaglio ad Accordi&Disaccordi (Nove): “Gli applausi in Senato? Si tratta delle prove generali per una nuova maggioranza” – Il Fatto Quotidiano

Hits: 674