Fischiettando – Il Fatto Quotidiano

Nessuno dei politici e giornalisti che avevano preso per buona la patacca ucraina dell’attacco russo alla Polonia rettifica né chiede scusa. I più pudichi tacciono fischiettando. I più spudorati dicono che, anche se il missile che ha sbagliato mira (di qualche centinaio di km) e ucciso due polacchi l’ha lanciato l’Ucraina, è colpa di Putin. E non si domandano neppure perché l’“errore” arriva proprio all’indomani degli spiragli di negoziato fra Usa, Russia e Cina; né perché Zelensky mente sapendo di mentire (gli unici a sapere fin da subito che il missile era ucraino erano gli ucraini) per trascinare la Nato in guerra diretta contro la Russia e poi, sbugiardato da Usa, Polonia e Nato, persevera fino al tragicomico comunicato di ieri: “Non so cos’è successo, ma sono certo che il missile è russo”. Un genio.

Meloni incontra il presidente cinese Xi Jinping, ne accetta l’invito a Pechino, promette lucrosi accordi commerciali e tutti i giornali elogiano la sua abilità di intrecciare buoni rapporti con la Cina restando amicona degli Usa. Ne siamo lieti anche noi, ma ricordiamo quel che dicevano Meloni e gli stessi giornali che oggi la elogiano quando Conte riuscì ad andare d’accordo con Trump (il presidente Usa più anti-cinese mai visto) e Xi, nel solco della nostra vocazione multilaterale: traditore della patria, servo di Trump, dei cinesi e pure di Putin. La Via della Seta, cioè l’accordo commerciale preparato da Prodi e avviato da Gentiloni, fu spacciata per un’invenzione improvvisata dell’azzeccagarbugli di Volturara Appula con la pochette a tre punte. E giù allusioni a tangenti cinesi ai grillini, in aggiunta a quelle di Maduro svelate dall’autorevole supertestimone El Pollo. Meloni e chi la loda perché fa esattamente le stesse cose del vituperato Conte spiegano perché han cambiato idea? No, dicono l’opposto di ieri e fischiettano, confidando nell’amnesia generale.

De Benedetti, intervistato dal Corriere, definisce “un disastro” Letta che solo un anno fa lisciava sul suo Domani con una lettera aperta al leader dell’“unica forza politica che può far argine alla nuova destra nazionalista e al populismo dilagante”. Gli imputa la “arrogante stupidaggine” di non allearsi con i 5Stelle e di “identificare il Pd con Draghi”, che è il “passato”. È lo stesso CdB che definiva i 5Stelle “finiti”, Conte “una nullità, il vuoto” e Draghi un genio da tenere al governo finché campava “anche torcendo un po’ la Costituzione”. In pratica accusa Letta di aver seguito i suoi consigli. E, già che c’è, gliene dà altri due: imbarcare pure Renzi (che lui definiva “un disastro”); e, siccome il Pd “ha perso il popolo”, “appoggiare la Moratti”, la tipica popolana che riporterà le masse all’ovile del Pd. Io, per portarmi avanti, transennerei il Nazareno.

Sorgente: Fischiettando – Il Fatto Quotidiano

Hits: 529

One Reply to “Fischiettando – Il Fatto Quotidiano”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*