Accordi&Disaccordi, arriva Di Maio e il programma di Andrea Scanzi e Luca Sommi in onda sul Nove ‘prende il volo’: 3,7% di share – Il Fatto Quotidiano

Arriva Di Maio e Accordi&Disaccordi prende il volo. Trascinato anche da un ottimo risultato di Fratelli di Crozza (1milione 366 spettatori con un 5,8% di share) in prima serata, il programma diretto da Luca Sommi e Andrea Scanzi, con la partecipazione del direttore del Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, ha registrato un importante 3,7% di share. […]

Sorgente: Accordi&Disaccordi, arriva Di Maio e il programma di Andrea Scanzi e Luca Sommi in onda sul Nove ‘prende il volo’: 3,7% di share – Il Fatto Quotidiano

Hits: 40

Accordi&Disaccordi (Nove), Travaglio: “Il disastro del Mose a Venezia ha nomi e cognomi a destra e sinistra” – Il Fatto Quotidiano

Nel faccia a faccia della settimana ad “Accordi&Disaccordi”, il talk politico in onda su Nove tutti i venerdì alle 22.45 Luca Sommi interpella Marco Travaglio sul Mose, “una storia all’italiana” e sui suoi responsabili. “Beh, uno in particolare non c’è, nel senso che ce ne sono tanti – ha spiegato il direttore de Il Fatto […]

Sorgente: Accordi&Disaccordi (Nove), Travaglio: “Il disastro del Mose a Venezia ha nomi e cognomi a destra e sinistra” – Il Fatto Quotidiano

Hits: 33

Ilva e gli altri: fare soldi con la CO2: inquinare conviene. L’inchiesta su FQ MillenniuM in edicola – Il Fatto Quotidiano

 

L’Ilva di Taranto, impianto tra i più inquinanti d’Italia, negli anni a cavallo tra la gestione dei Riva e il commissariamento ha incassato più di 470 milioni di euro proprio grazie all’anidride carbonica diffusa nell’ambiente. E il paradosso non riguarda solo l’acciaieria che ora ArcelorMittal vuol ridare allo Stato. Tra 2008 e 2015 i grandi […]

Sorgente: Ilva e gli altri: fare soldi con la CO2: inquinare conviene. L’inchiesta su FQ MillenniuM in edicola – Il Fatto Quotidiano

Hits: 4

La Salvinistra – Il Fatto Quotidiano

L’ultima scemenza della sinistra salviniana da talk show, detta anche Salvinistra, è che “Salvini ha una narrazione, mentre il governo giallo-rosa non ce l’ha”. Cioè non racconta balle, visto che la “narrazione” salviniana è una raffica di panzane. Ma la circostanza non sfiora neppure questi geni del tafazzismo, che certificano le cazzate del Cazzaro ogni volta che aprono bocca. L’altroieri avevano un assist imperdibile: è finita sott’acqua Venezia, governata da un sindaco di centrodestra e da una Regione leghista da sempre, dopo trent’anni di annunci a vanvera, promesse mancate, miliardi (6 o 7) buttati nel Mose, con annessi sprechi, marchette, mazzette e retate che affratellano la Prima e la Seconda Repubblica. Naturalmente il Mose non funziona: non è mai stato completato (siamo al 95%, dicono), ma in compenso le strutture metalliche sono in acqua da tempo, ormai arrugginite e cadenti prim’ancora dell’inaugurazione, così ai costi dell’ultimo miglio andranno aggiunti quelli delle riparazioni. La prova per il varo, slittata dal 2011 al 2020, è rinviata al 2021 e forse è meglio così: nessuno sa se, dopo, il Mose proteggerà Venezia dall’acqua alta. Lo scopriremo solo vivendo, anzi spendendo. E molti esperti giurano che non servirà a niente. Del resto non si chiama così in onore di Mosè (se no era meglio Noè), ma del Modulo Sperimentale Elettromeccanico: cioè è un esperimento mai tentato al mondo, il più caro della storia, al buio.

Ora è tutto uno starnazzare di Zaia, Brunetta, Brugnaro, Salvini e altre facce da Mose: “Dateci il Mose! Dov’è il Mose?”. A noi, lo chiedono. Zaia potrebbe domandarlo a Galan, arrestato per tangenti sul Mose, di cui era il vice prima di prenderne il posto. Brunetta, oltreché a Galan, potrebbe chiederlo a se stesso e a B., che insieme a Lunardi, Matteoli, Costa, Lupi, Delrio e altri preclari ministri, hanno sponsorizzato la boiata pazzesca a spese nostre. E Salvini, anziché chiedere altri 100 milioni per il Mose, dovrebbe domandare ai suoi campioni del buon governo veneto che fine han fatto i 6 miliardi già spesi. Ma di queste facce da Mose la Salvinistra non parla, anche perché dovrebbe sconfessare Prodi&C.. L’altroieri, a Otto e mezzo, Sallusti incolpava gli ambientalisti, i pm e naturalmente i 5Stelle, cioè quelli che sul Mose avevano ragione, ma purtroppo non hanno mai governato né il Veneto né l’Italia quando il Partito Trasversale degli Affari buttava i nostri soldi. In studio c’era il solito esponente tascabile della Salvinistra. Poteva contrastare la narrazione sallustiana ricordando che in Veneto da 25 anni non muove foglia che la Lega e B. non vogliano.

Invece parlava d’altro: attaccava anche lui i 5Stelle (“il loro programma era contro il Mose”: cioè avevano ragione) e il governo Conte “ostaggio di una minoranza M5S sullo scudo a Mittal”. Un frittomisto di Mose e di Ilva con le solite balle sull’immunità abolita: come se Arcelor Mittal fuggisse da Taranto per quella (chiude pure le acciaierie in Polonia, Sudafrica e Usa: cazzo c’entra lo scudo?) e a doversi vergognare fosse chi l’ha tolta, non chi l’ha data. È la narrazione salviniana, a sua volta identica a quella berlusconiana e renziana. Il “partito del Pil e dei sì” che “sblocca i cantieri” delle grandi opere contro il “partito della decrescita e dei no”. Invano Cacciari si sgolava a ricordare che da un quarto di secolo il Mose prosciuga tutte le risorse di Venezia, rubandole alla manutenzione, alla pulizia dei fondali, al restauro dei ponti, al consolidamento delle fondamenta, ai progetti di barriere anti-acqua alta molto più efficaci ma molto meno costosi. E proprio questo era ed è sempre il problema: piccole opere = piccoli costi e piccole mazzette; grandi opere = grandi costi e grandi mazzette. Vale per il Mose, l’Expo, le Olimpiadi e il Tav che, se mai si farà dopo 30 anni di balle, sarà il Mose di domani (con costi tripli, però).

Questa è l’unica “narrazione” alternativa a quella dei salvinisti e della Salvinistra: quella del buonsenso, della legalità e dell’ambientalismo che, fra l’altro, ha il pregio di dire la verità. E impone di finirla con gli Sblocca-Italia: semmai serve un poderoso Blocca-Italia, inteso come blocca-grandi opere inutili e sblocca-piccole opere utili. Ma non è di moda, perché il Partito degli Affari allunga i suoi tentacoli da destra a sinistra, con i giornaloni (gli stessi che la menano con Greta) a fare il coro. E chi stecca in quel coro perde. Quando nacque il governo giallo-verde, il M5S impose di condizionare ogni opera pubblica da iniziare o appena iniziata (per il Mose il danno ormai era fatto) a una severa analisi costi-benefici. Ma bastò la prima, quella che bocciava il Tav per 8 miliardi di perdite, perché quel metodo fosse abbandonato. Per mesi il M5S, Toninelli in testa, fu lapidato da destra e da sinistra, dai trombettieri di Confindustria e dalle loro madamine, come il partito che bloccava l’Italia, mentre purtroppo non era riuscito a bloccare nulla. E ci perse le Europee. La scena del 7 agosto 2019 in Senato, vigilia della crisi del Papeete, è un reperto d’epoca: tutti i partiti, dai “fascisti” della Lega ai loro alleati FI&FdI agli “antifascisti” del Pd, che votano tutti insieme appassionatamente per il Tav. E i 5Stelle soli con un pezzo di LeU che votano contro, cioè pro ambiente, pro risparmio, pro Val di Susa. Se i giallorosa vogliono essere alternativi al salvinismo, lascino starnazzare la destra e la Salvinistra e tirino dritto su una vera green economy e una dura lotta all’evasione, alla corruzione e alla prescrizione. Avranno contro l’Italia dei prenditori, dei magnager e dei loro giornaloni, e a favore l’Italia dei cittadini onesti. Tra le due Italie non c’è compromesso che tenga. O si sceglie la seconda, o tanto vale lasciare subito il campo a Salvini: la prima preferisce lui.

Sorgente: La Salvinistra – Il Fatto Quotidiano

Hits: 22

Travaglio: ‘Governo Conte rimedia con norme di raro buonsenso ed efficacia ai vuoti normativi sull’evasione fiscale’ – Silenzi e Falsità

“Il problema è sempre un altro. Sull’evasione, una delle migliori trovate dei benaltristi è che limitare il contante non serve perché i ‘grandi evasori’ se ne infischiano se la soglia del cash scende da 3 mila euro a mille. Peccato […]

Sorgente: Travaglio: ‘Governo Conte rimedia con norme di raro buonsenso ed efficacia ai vuoti normativi sull’evasione fiscale’ – Silenzi e Falsità

Hits: 13